DeepBlue Italia si presenta nella cornice di Palazzo Doria Pamphilj a Roma

Home / Storie / DeepBlue Italia si presenta nella cornice di Palazzo Doria Pamphilj a Roma
DeepBlue Italia si presenta nella cornice di Palazzo Doria Pamphilj a Roma
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

articolo di Andreana d’Aquino tratto da AdnKronos (pubblicato il 21 marzo 2019)

La Via della Seta porta in Italia anche i più sofisticati sistemi cinesi di Intelligenza Artificiale. Il colosso dell’AI Deep Blue Technology ha infatti annunciato oggi l’apertura di una sede in Italia e sarà basata a Roma. Nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Doria Pamphilj, Anderson Chen, fondatore e Ceo del gigante di Shangai da 3 miliardi di euro l’anno di fatturato, ha sottolineato di avere già contatti con top manager di aziende italiane e, ha detto Chen, “molti Ceo ci suggeriranno applicazioni di intelligenza artificiale adatte al mercato italiano”.

“Vorremmo fare accordi con quante più aziende italiane è possibile del settore manifatturiero” ha spiegato il presidente di DeepBlue Europe, David Duan, che ha preso parte alla conferenza stampa insieme al rappresentante per l’Italia di DeepBlue Technology, Fredrik Meloni. Meloni ha chiarito ai giornalisti che “entro la prossima settimana” il gigante cinese dei sistemi di Intelligenza Artificiale annuncerà “la esatta localizzazione a Roma” della sua sede italiana e sembra possa essere istituita all’Eur.

da sinistra Fredik Meloni, Anderson Chen e David Duan (tra il pubblico, a sinistra, il presidente della Fondazione Magna Grecia Nino Foti, che ha siglato un’intesa con DeepBlue Technology per la digitalizzazione delle città italiane)

Proprio un anno fa DeepBlue Technology aveva aperto la sua prima sede in Europa, a Bruxelles, ed oggi conta “già relazioni con Germania, Grecia e contatti con la Francia, ma la nostra azienda considera l’Italia” come patria “dei migliori sviluppatori di robotica, siamo interessati al know how tecnologico italiano” ha aggiunto Meloni.

L’incontro a piazza del Collegio Romano è avvenuto in collegamento in diretta con il quartier generale di Shanghai del gigante cinese ed è servito a DeepBlue Technology per presentare la società e le sue conquiste tecnologiche, tra cui i sistemi di pagamento digitali con il riconoscimento biometrico della mano, “già applicati nei supermercati della catena Auchan grazie ad accordi conclusi in diversi Paesi europei” hanno riferito i vertici di DeepBlue.

Durante la conferenza stampa, DeepBlue Technology ha annunciato inoltre di essere pronto a “investire in Italia, entro il 2020, intorno ai 60 milioni di euro in ricerca, innovazione e anche acquisizioni di aziende”. Il colosso cinese dell’intelligenza artificiale è “pronto a realizzare circa 100 assunzioni nella nuova sede italiana che sta istituendo a Roma”. “Puntiamo a sviluppatori e integratori di sistemi di Intelligenza Artificiale” ha spiegato Meloni.

Per la sede romana il colosso cinese ha “già individuato due partner italiani strategici” ha anticipato è Meloni, parlando con i giornalisti a margine della conferenza stampa. Al momento il nome dei due partner è ancora top secret, né è chiaro se si tratti di acquisizioni, ma “ne conosceremo l’identità la prossima settimana” ha anticipato Meloni.

Quanto agli aspetti etici dell’uso di sistemi di AI, è stato il fondatore e Ceo di DeepBlue Technology, Anderson Chen, a sottolineare che la società umana “è entrata nell’era dell’Intelligenza Artificiale ma il futuro rimane nella forza dell’uomo. L’uomo rimane il punto forte del mondo”. Chen ha rimarcato inoltre come “fra 10 o 20 anni arriveremo ad altre nuove scoperte” ma ha assicurato che il colosso cinese farà “del suo meglio per tutelare l’etica nell’uso delle nuove tecnologie e alzare il livello culturale delle persone”. “L’Intelligenza Artificiale fra 10-15 anni risponderà a tutte le domande ma è l’elemento umano che pone le domande” ha argomentato il presidente di DeepBlue Europe, David Duan.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Fondazione Magna Grecia