HomePERSONEmentorsCharles Gargano

Charles Gargano

Charles A. Gargano (1934) è un uomo d’affari americano, già Ministro del Dipartimento per lo Sviluppo economico dello Stato di New York e già Ambasciatore degli Stati Uniti a Trinidad e Tobago. È stato presidente della Empire State Development Corporation durante il mandato del Governatore George Pataki, e Commissario Straordinario per la ricostruzione dell’area a ridosso delle Torri Gemelle, distrutte dall’attacco terroristico dell’11 settembre 2001. Dal 1997 ha partecipato attivamente alle iniziative promosse dall’Associazione Internazionale Magna Grecia, presieduta da Nino Foti, rivolte soprattutto alla riscoperta dell’identità culturale per le comunità degli italiani di origine presenti negli Stati Uniti.

Italoamericano di seconda generazione, di origine irpina e, più esattamente, di Sant’Angelo dei Lombardi, un comune in provincia di Avellino. La famiglia emigrò negli Stati Uniti, quando Gargano aveva solo 4 anni, e si stabilì nel quartiere di Brooklyn, a New York. Ciononostante, Gargano è sempre stato molto legato alla sua terra di origine. Nel corso della sua carriera ha spesso curato la raccolta fondi per iniziative umanitarie, contribuendo all’istituzione di nuove organizzazioni benefiche. Come Presidente dell’Italian Earthquake Relief Fund, ha promosso l’invio di aiuti alle vittime del terremoto che colpì l’Italia meridionale, favorendo la costruzione di una scuola, un ricovero per anziani ed un centro giovanile.

Gargano conseguì il diploma e l’MBA presso la Farleigh Dickinson University di Teaneck, nel New Jersey, e la laurea magistrale presso il Manhattan College di Riverdale, nel Bronx. Nel 1981, dopo una prima carriera nell’edilizia (inclusa la fondazione di una propria ditta) Gargano prestò servizio nel Governo sotto l’amministrazione Reagan, come alto funzionario presso il Dipartimento Federale dei Trasporti con l’incarico di Vicedirettore dell’Amministrazione Federale per i Trasporti Pubblici Urbani. In seguito, dal 1988 al 1991, fu nominato Ambasciatore degli Stati Uniti a Trinidad e Tobago. 

Nel febbraio 1995, il Governatore Pataki lo ha nominato Ministro del Dipartimento per lo Sviluppo Economico dello Stato di New York. Da quel momento, e fino al 2007, Gargano è stato anche Presidente della Empire State Development Corporation e Vicepresidente della Port Authority di New York e New Jersey, incarichi entrambi assegnati dallo stesso Pataki. In quell’arco di tempo Gargano è stato spesso definito lo “zar economico” dello Stato di New York. 

Nel 2008, il Presidente George W. Bush ha scelto Gargano per diventare il successivo Ambasciatore degli Stati Uniti in Austria, ma dopo l’inerzia del Congresso la nomina è stata ritirata. 

Ha contribuito attivamente all’interno dell’Order of Sons of Italy in America (OSIA), alla National Italian American Foundation (NIAF) e all American Committee on Italian Migration. È stato Consigliere del New York Institute of Technology e del College della City University of New York (CUNY). 

Nel 1997 è stato Presidente dei festeggiamenti del Columbus Day, carica già ricoperta nel 1984. Fra i riconoscimenti e le onorificenze, ricevette quella del Presidente Sandro Pertini che gli conferì il Cavalierato per l’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Nel sentimento di fierezza e forte attaccamento alle proprie radici di italoamericano, anche se di seconda generazione, Gargano ha sempre sottolineato la peculiarità regionale degli italoamericani:

“Non esiste l’italiano in generale, considerato in maniera astratta, indistinta. L’italoamericano va visto nella sua specificità concreta, tenendo conto del modo in cui si è svolta storicamente l’emigrazione e come ha avuto luogo l’insediamento, anche geografico, negli USA, sostenuto cioè dalle forme dialettali, spessissimo unico strumento veicolare di comunicazione….se si vuole conservare questo attaccamento degli Oriundi alle proprie origini, bisogna insistere su queste identità che hanno dimensioni regionali e sub regionali….Sono i dialetti che hanno sostenuto e continuano a sostenere la nostra identità socio-economica di Oriundi italiani”. 

Gargano e l’allora senatore degli Stati Uniti Alfonse D’Amato fecero apparizioni cameo nel film “L’avvocato del diavolo” con Keanu Reeves e Al Pacino nei loro ruoli nella vita reale di New York Politicians. Gargano è apparso come Maitre d’hotel nel film del 2003 “Analizza quello” con Robert De Niro e Billy Crystal. Appare anche come comandante della polizia dell’autorità portuale nel film di Oliver Stone del 2006 “World Trade Center”. 

Charles A. Gargano (1934) is an American businessman, former Minister of the New York State Department of Economy Development and former United States Ambassador to Trinidad and Tobago. He was Chairman of the Empire State Development Corporation during the tenure of Governor George Pataki and Special Commissioner for the reconstruction of the area near the Twin Towers, destroyed by the terrorist attack of September 11, 2001. Since 1997 he has actively participated in the initiatives promoted by the International Association Magna Grecia – chaired by Nino Foti – aimed at the rediscovery of cultural identity for the communities of Italians of origin present in the United States.

Gargano is a second-generation Italo-American, of Irpinian origin and, more precisely, from Sant’Angelo dei Lombardi, a town in the province of Avellino. His family emigrated to the United States when he was only four years old and settled in Brooklyn, New York. Nevertheless, Gargano has always been very attached to his homeland. Throughout his career, he has often been in charge of fundraising for humanitarian initiatives, contributing to the establishment of new charitable organizations. As President of the Italian Earthquake Relief Fund, he promoted aid to the southern Italy earthquake victims, supporting the construction of a school, a home for the elderly, and a youth centre. 

Gargano earned his B.A. and M.B.A. from Farleigh Dickinson University in Teaneck, N.J., and his higher degree from the Manhattan College of Riverdale in the Bronx. After his first career in construction (including the founding of his own company), Gargano served in the government under the Reagan administration as a senior official in the Federal Department of Transport, appointed Deputy Director of the Federal Transit Administration. Later, he was also appointed U.S. Ambassador to Trinidad and Tobago from 1988 to 1991.

In February 1995, Governor Pataki nominated Ambassador Gargano Deputy Minister Commissioner of the New York State Department of Economic Development. From that time, and until 2007, Pataki also appointed Gargano President of the Empire State Development Corporation and Vice President of the Port Authority of New York and New Jersey. During that time, Gargano was often referred to as the “economic czar” of New York State.

In 2008, President George W. Bush nominated Gargano as the next U.S. Ambassador to Austria, but after congressional inaction, the nomination was withdrawn.

He has been an active contributor in the Order of Sons of Italy in America (OSIA), the National Italian American Foundation (NIAF) and the American Committee on Italian Migration and an Advisor to the New York Institute of Technology and the College of the City University of New York (CUNY).

In 1997, Gargano was President of the Columbus Day celebrations, a position he had already held in 1984. Among the awards and honours, he was awarded the Knighthood in the Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Order of Merit of the Italian Republic) by President Sandro Pertini. 

Gargano has always pointed out Italo-Americans’ regional peculiarity due to his pride and attachment to his roots, despite being a second-generation Italo-American. 

“The Italian considered in an indistinct abstract manner does not exist. The Italo-American must be looked at in his concrete specificity, keeping in mind how emigration unfolded historically and how the establishment, geographically as well as otherwise, in the U.S.A. was sustained by dialectical forms, which were very often the only vehicular instrument of communication… Suppose we want to preserve this attachment of the foreign-born Italians to their origins. In that case, we need to insist on these identities which have regional and subregional dimensions…The dialects have sustained and continue to sustain our socio-economic identity as foreign-born Italians.”

Gargano and the then U.S. Senator Alfonse D’Amato made cameo appearances in the movie “The Devil’s Advocate” with Keanu Reeves and Al Pacino in their real-life roles as New York Politicians. Gargano appeared as a Maitre d’hotel in the 2003 film “Analyze That”, starring Robert De Niro and Billy Crystal. He also appears as a Port Authority police commander in Oliver Stone’s 2006 film “World Trade Center.”

Nella foto in alto Charles Gargano alla gena di gala della Settimana della Magna Grecia a New York. Maggio 1997.
Sotto Nino Foti, Presidente dell’Associazione Internazionale Magna Grecia, consegna la pergamena artistica al Governatore Pataki affermando la sua nomina a Presidente Onorario dell’Associazione. Al centro, il Ministro per lo Sviluppo Economico dello Stato di New York l’Ambasciatore Charles Gargano, e il Sindaco di Reggio Calabria Italo Falcomatà, a sinistra. Settembre 1995. 

In the photo above Charles Gargano at the gala dinner of the Magna Grecia Week in New York. May 1997.
Below, Nino Foti, President of the International Association Magna Grecia, presenting Governor Pataki with the artistic parchment affirming his appointment as Honorary President of the Association. In the center, the Chairman of the New York State Department of Economic Development Ambassador Charles Gargano, and, on the left, the Mayor of Reggio Calabria Italo Falcomatà. September 1995.

le persone

noi siamo le persone con cui abbiamo fatto e continuiamo a fare un percorso "con le radici ben piantate nel futuro"

PAST BOARD

MENTORS

PRIZE